Riforma pensioni, Damiano: Renzi deve correggere rotta con la flessibilità in uscita

“Il voto delle amministrative, mano a mano che i giorni passano, conferma il suo significato nazionale. La sconfitta impone una svolta al Partito Democratico e alla attività di Governo: bisogna recuperare il nostro profilo di sinistra e mettere al centro delle scelte politiche la questione sociale”. Così Cesare Damiano.

“Occorre rivalutare – prosegue – il rapporto con le parti sociali, affrontare i problemi della flessibilità delle pensioni di anzianità e di vecchiaia, della qualità del lavoro e della lotta alla povertà. Non sempre questi obiettivi sono risultati evidenti e lineari nelle scelte che il Governo ha compiuto. Infine, occorre cambiare passo nella gestione del PD: è matura, per il prossimo congresso, la scelta di separare il ruolo di Premier da quello di segretario di partito”.

“Nell’immediato ci convince, come primo passo, l’indicazione data da Piero Fassino: adottare il modello tedesco che vede, accanto al cancelliere, una figura forte, ad esempio un vice segretario unico, a cui affidare la gestione. Cambiare si deve e si può”, conclude.

Fonte: Pensionitoday

Iscriviti alla nostra newsletter

Leggi anche:

Riforma Pensioni: Cosa potrebbe cambiare con un Governo a 5 Stelle? Ecco il piano M5s

Riforma Pensioni: L’Europa ammonisce contro l’uscita anticipata; Poletti, Padoan e Nannicini scattano sull’attenti

Riforma Pensioni: E ora il Pd corre ai ripari; Pensione anticipata per i licenziati e bonus 80 euro anche ai pensionati

Riforma Pensioni: La Consulta rinvia l’esame sui ricorsi contro il Bonus Poletti

Riforma pensioni, Damiano: Renzi deve correggere rotta con la flessibilità in uscita
Vota questo articolo