Damiano: Giovani di oggi pensionati poveri di domani

“I giovani saranno i pensionati poveri di domani perché, nell’attuale mercato del lavoro, sono diventati lavoratori poveri. Accorgersi, a 60 anni, di avere alle spalle appena 20-25 anni di contributi, come capiterà ai nostri figli, conduce dritti e filati ad una vecchiaia poco dignitosa”. Così Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

“Perché capita questo? Perché l’idea liberista di colpire lo Stato sociale e togliere le tutele al lavoro, costringe i nostri figli a fare la “gimcana” per entrare nel mondo del lavoro: stage, tirocini, voucher, lavoro a chiamata, co.co.co, interinale, false partite Ivae lavoro a termine, rappresentano il deprimente biglietto d’ingresso nel mondo del lavoro di intere generazioni”.

“Questo significa bassi salari, pochi contributi e lavoro intermittente, cioe’ poveri nel lavoro e poveri con la pensione. Non a caso l’Istat rileva che le generazioni post ’80 e post ’96 stentano ad entrare nel mondo adulto. La transizione allo stato di ‘adulto’, come dice l’ISTAT, si compone di diversi passaggi nel vissuto degli individui: dalla condizione di studente a quella di occupato, dalla famiglia dei genitori alla vita indipendente o di coppia, dallo status di single a quello di coniugato e dall’essere senza figli alla genitorialità”.

Iscriviti alla nostra newsletter

“Le generazione dei Millenial (nati tra gli anni 80-90) e delle Reti (nati dopo il ’96), stanno posticipando sempre di più queste principali tappe verso la vita adulta. Questa drammatica constatazione ci obbliga a rivedere il nostro modello di sviluppo e ad eliminare la precarietà nel mercato del lavoro, a partire dai voucher”, conclude.

Damiano: Giovani di oggi pensionati poveri di domani
2.5 (50%) 4 voti