Damiano: Basta ‘marchette’ elettorali ecco cosa serve per la previdenza

“Per superare la crisi della politica e la distanza che la separa sempre più dai cittadini, bisogna occuparsi di problemi reali e farlo bene. Il tema delle pensioni è molto popolare: lo dimostra la petizione online promossa da “Progressi” sulla flessibilità previdenziale (Damiano-Gnecchi) che ha raccolto in pochi giorni oltre 18.000 firme”. Così Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

“Su questo argomento – prosegue – che influenza molto l’orientamento degli elettori, non bisogna fare annunci avventati o proposte che non colgono l’obiettivo. Il Premier Renzi è uscito finalmente allo scoperto, anche grazie alla pressione esercitata dal Parlamento, dai sindacati e dai cittadini”.

“È positivo – spiega Damiano – il fatto che venga confermato che il tema verrà affrontato nella prossima legge di Stabilità, ma la proposta annunciata, che aspettiamo di leggere nero su bianco, pare del tutto insufficiente.

  • La misura di flessibilità deve essere strutturale e non limitata ad alcune platee anagrafiche di lavoratori (i nati dal ’51 al ’53, come ha detto Renzi);
  • deve essere l’anticipo (noi diciamo fino a 4 anni), con una penalizzazione accettabile, dell’assegno pensionistico e non un prestito;
  • l’ente erogatore deve essere dunque l’Inps e non una banca”.

Iscriviti alla nostra newsletter

“Infine, non vanno dimenticati gli altri problemi previdenziali, alcuni dei quali causati da veri e propri errori della politica:

  1. lavoratori precoci,
  2. ottava salvaguardia,
  3. opzione donna,
  4. ricongiunzioni,
  5. lavori usuranti e
  6. indicizzazione”.
Damiano: Basta ‘marchette’ elettorali ecco cosa serve per la previdenza
4.6 (92.86%) 14 voti