Presidio degli Esodati il 22 aprile davanti al MEF; 8′ salvaguardia subito per i 24.000 esclusi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Presidio degli “Esodati” organizzato con Cgil, Cisl e Uil davanti al Ministero dell’economia e finanze il 22 aprile 2016

Per la diciottesima volta, negli ultimi 4 anni, gli “esodati, scendono in piazza per rivendicare la restituzione del costituzionale diritto alla pensione sottratto loro    in una infausta notte del dicembre 2011.

Ci domandiamo in quale altro Stato del mondo, che si possa definire civile, si costringono dei cittadini ultrasessantenni a scendere in piazza per rivendicare il loro diritto alla sopravvivenza unitamente a tutte le forze sindacali.

Queste le richieste che urleremo a gran voce:

  • Governo e Parlamento pongano immediatamente mano all’Ottava salvaguardia, per TUTTI i 24.000 “esodati” esclusi dalle precedenti sette, per approvarla il prima possibile e, comunque, ben prima dell’estate.
  • l’Inps chiuda il più velocemente possibile la settima salvaguardia e proceda a redigere il Report generale dei sette provvedimenti di deroga finora emanati;
  • il Mef provveda immediatamente a restituire i 941 milioni indebitamente sottratti al Fondo Esodati, istituito da una legge dello Stato (la n.228 del 2012) per gli esodati e non per altre questioni pur meritevoli di soluzione… ed il 22 aprile saremo sotto quel palazzo numerosi per chiederlo a gran voce;
  • si predisponga in Parlamento la proposta dell’Ottava salvaguardia chiamando, come richiesto, i Comitati della “Rete degli Esodati” a collaborare alla sua stesura,  evitando pericolose confusioni con altre categorie che nulla c’entrano con la nostra “questione”, ed eliminando tutte le condizioni restrittive che hanno impedito la possibilità di ottenere la salvaguardia nelle precedenti 7;
  • il Governo, così come ha affermato a più riprese per bocca di alcuni sottosegretari secondo i quali la nostra questione è “preprioritaria” rispetto alle altre, sostenga  tale proposta affinché possa sollecitamente essere approvata, come si è pubblicamente impegnato a fare lo stesso presidente delConsiglio Renzi.

Con questo presidio le Organizzazioni Sindacali CGIL, Cisl e UIL, unitamente alla Rete dei Comitati degli Esodati,  intendono sostenere le istanze degli “esodati” e quelle dei lavoratori precoci che parteciperanno al presidio con noi.

Saranno presenti, per portare la loro solidarietà, rappresentanze di altri sindacati e di altre categorie di lavoratori penalizzati da quella manovra  previdenziale del 2011.

Iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Flore a nome dei Comitati

Presidio degli Esodati il 22 aprile davanti al MEF; 8′ salvaguardia subito per i 24.000 esclusi
4 (80%) 6 voti