“A Testa Alta”, i pensionati chiedono al governo diritti e dignità

“La manifestazione del 19 maggio – ha chiarito Gigi Bonfanti, segretario generale della Fnp Cisl durante la conferenza stampa – non è la continuazione di qualcosa che è già iniziato, ma è l’apertura formale di una vertenza dei pensionati per le pensioni e per i giovani. Sono queste, oggi, le due categorie più deboli del paese, e le più vessate. Ma se non si restituisce potere d’acquisto ai pensionati, non usciremo mai da questa crisi”.

“Parliamo in tre ma siamo una voce sola – ha continuato – Romano Bellissima della Uilp Uil -. Il 19 maggio manifesteremo per parlare a tutta l’opinione pubblica italiana. Perché in Italia non siamo più in uno stato di diritto, visto che i pensionati sono diventati un bancomat per lo Stato e non vedono più riconosciuti i propri diritti”.

“Vogliamo affrontare il problema della parificazione fiscale e gli altri temi della vertenza – ha detto senza giri di parole Ivan Pedretti, alla guida guida dello Spi Cgil – vogliamo un’operazione di giustizia ed equità. Perché dalle situazioni di crisi si esce con l’unione e non con la divisione che sta attuando il governo. I conflitti, come quello fasullo che è stato creato tra giovani e pensionati, non ci aiuteranno a superare la situazione in cui ci troviamo”.

Molto criticato anche il ruolo del presidente dell’Inps, Tito Boeri a cui si chiede “di fare il proprio mestiere”. “Io credo che una persona che governa l’ente più grande del paese – continua Pedretti – con un bilancio superiore a quello dello Stato ne abbia a sufficienza, invece di avanzare delle proposte. Le proposte le deve fare il governo e le deve approvare il parlamento. Per questo motivo il 19 è una manifestazione che parla al governo”.

Iscriviti alla nostra newsletter

”Il governo da parte sua sfugge al confronto. Conclude Bonfanti “Quando un paese va verso una crisi profonda che divide, prova a rimettersi insieme, ad unirsi. Chi è responsabile prova a mettere insieme tutte le rappresentanze e trova un’intesa per andare avanti.”

“A Testa Alta”, i pensionati chiedono al governo diritti e dignità
5 (100%) 1 voti