Renzi venditore tappeti, basta prendere in giro milioni di pensionati

Brunetta: 80 euro? Renzi venditore tappeti

“Renzi si comporta come un venditore di tappeti. In enorme difficoltà rispetto alla vicenda lucana, il petrolio, le dimissioni della Guidi, i problemi della Boschi, la magistratura, in gravissima crisi col suo governo, tira fuori un’arma di distrazione di massa e usa in maniera strumentale, inaccettabile, la categoria forse più debole della società: i pensionati al minimo. “Io dico evviva, dia pure questi 80 euro in più a circa 2 milioni di pensionati, non posso che dire evviva. Ma è una promessa improvvisata, non ci sono i soldi, e usata strumentalmente per parlare d’altro. Renzi sta mettendo la polvere sotto al tappeto: Il Paese non cresce, siamo in deflazione, siamo in recessione, siamo gli ultimi in Europa, i consumi non sono ripartiti, il reddito non è ripartito, e questo 2016 sarà probabilmente un anno di totale crisi: deflazione e recessione.

Anche sul fronte lavoro, il jobs act (“il Flop Act, come lo chiamo io”) ha peggiorato la situazione. Dopo aver drogato per un anno il mercato del lavoro, appena è stata tagliata della metà l’incentivazione ai datori di lavoro, nel senso della decontribuzione, l’occupazione è diminuita, e il mercato del lavoro sembra nuovamente precipitare nella crisi. Basta vedere i numeri stessi che Padoan propone. Sono degli imbroglioni, dei venditori di tappeti. Nei documenti ufficiali dicono che la spesa pubblica non è stata tagliata di un euro e i soldi erogati, gli 80 euro, i 500 euro, tutto quello che è stato erogato è stato fatto in deficit, che Renzi chiama gioiosamente flessibilità, ma in realtà sono debiti”.

Polverini: Basta prendere in giro milioni di pensionati

“Bene – ha commentato la vice presidente della commissione Lavoro della Camera Renata Polverini – gli 80 euro per le pensioni minime. Ma serve un immediato tagliando per riportare tutti i trattamenti previdenziali a livelli dignitosi. Renzi affronta in modo strumentale e propagandistico, come di consueto, un tema delicato che coinvolge milioni di cittadini”.

M5S: Renzi se ne vada

“Gli 80 euro annunciati dal presidente del Consiglio per i pensionati con la minima danno il via libera alle solite promesse elettorali mai mantenute ed aprono ufficialmente la campagna elettorale delle amministrative, nel vano e disperato tentativo di distogliere l’attenzione pubblica sullo scandalo trivellopoli che vede coinvolto direttamente il governo ed il Pd dalla testa ai piedi”, affermano i parlamentari della commissione Lavoro di Camerae Senato del M5S.

Iscriviti alla nostra newsletter

“Non è infatti la prima volta – aggiungono – che il presidente del Consiglio illude i pensionati con finte elemosine che poi ovviamente finiscono nel dimenticatoio, e quella degli 80 euro è già una proposta annunciata dal Premier nell’ormai lontano 2014. I pensionati non possono essere utilizzati per le campagne elettorali e non hanno bisogno dell’ennesima mancia elettorale di questo governo, ma di vivere una vita dignitosa ciò che è possibile soltanto se in Italia viene introdotto il Reddito di cittadinanza del Movimento 5 stelle. L’unica misura che porterebbe tutte le pensioni minime a 780 euro al mese. Renzi stia fermo e non si metta a studiare nuove proposte. Piuttosto pensi a lasciare subito il governo per il bene del Paese”, concludono i portavoce.