Damiano: Bene i Sindacati, DEF affronti il tema Flessibilità

“Le manifestazioni unitarie di Cgil, Cisl e Uil, che si terranno il prossimo 2 aprile sul tema delle pensioni, rappresentano un appuntamento importante al quale dobbiamo partecipare per dare forza all’obiettivo di cambiare la riforma Fornero”. Così Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera.

“Il tema essenziale – continua – e’ quello della flessibilita’ in uscita: la nostra parola d’ordine e’ ‘agli anziani la pensione, ai giovani il lavoro’. Il sistema previdenziale ha bisogno di molte correzioni, in parte dovute a veri e propri errori, come nel caso delle ricongiunzioni, causato da una scelta sbagliata delGoverno Berlusconi. Modifiche vanno anche apportate per quanto riguarda i lavori usuranti e i lavoratori precoci, riconoscendo che le attivita’ manuali e piu’ faticose hanno bisogno di un riconoscimento particolare perche’ la loro aspettativa di vita e’ mediamente piu’ breve”.

“Nel prossimo Documento di Economia e Finanza che verra’ presentato dal Governo ad aprile, dovra’ esserci traccia del tema della previdenza: in caso contrario sarebbe disatteso l’impegno del premier Renzi di fare del 2016 l’anno della flessibilita’”.

“Difatti, entro la meta’ del mese di aprile il Governo presentera’ il Documento di Economia e Finanza: in esso ci saranno gli indirizzi programmatici per il prossimo periodo ed e’ importante che siano contenute le emergenze che riguardano lavoro e Stato sociale”.

“Il primo problema da affrontare – prosegue – e’ quello degli ammortizzatori: alla meta’ dell’anno in corso scadranno le tutele per molti lavoratori che rimarranno senza alcun reddito, cioe’ diventeranno nuovi disoccupati. Soltanto in Piemonte si tratta di 100.000 persone. A questo problema il Governo deve deve pensare per tempo”.

Iscriviti alla nostra newsletter

“Il secondo tema e’ quello della flessibilita’ delle pensioni: se nel DEF non verra’ indicato come argomento da affrontare, verra’ meno l’impegno del Premier Renzi di fare del 2016 l’anno della flessibilita’. La manifestazione sindacale unitaria di sabato 2 aprile, alla quale partecipero’, affronta il tema della previdenza portandolo all’attenzione di tutto il Paese: mi auguro che il Governo apra al piu’ presto un confronto con le parti sociali e con il Parlamento”, conclude.