Corresponsione della Somma Aggiuntiva per il 2016

“L’articolo 5, commi da 1 a 4, della legge 3 agosto 2007, n. 127, che ha convertito, con modificazioni, il decreto legge 2 luglio 2007, n. 81, prevede a partire dall’anno 2007 la corresponsione di una somma aggiuntiva, in presenza di determinate condizioni reddituali, a favore dei pensionati ultra sessantaquattrenni titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive, esclusive ed esonerative della medesima, gestite da enti pubblici di previdenza obbligatoria”. Così un comunicato diffuso dalla Ugl Pensionati.

“Per i pensionati della gestione pubblica – prosegue il comunicato – la somma aggiuntiva sarà erogata con lavorazione centralizzata sulla base delle informazioni inserite tramite apposita procedura informatica dagli operatori delle Sedi.

I pensionati interessati riceveranno una lettera con la quale saranno invitati a presentare alla sede competente la dichiarazione dei redditi individuali presunti, diversi da pensione. In particolare, coloro che hanno ricevuto nel 2015 la somma aggiuntiva dovranno comunicare entro il 9 maggio 2016 i redditi individuali presunti, diversi da pensione, relativi all’anno 2015.

Entro la stessa data, i pensionati che compiono i 64 anni entro il 30 giugno 2016, dovranno dichiarare il reddito presuntivo dell’anno 2016, diverso da pensione.

I pensionati che maturano il requisito anagrafico nel corso del secondo semestre del 2016 dovranno presentare l’autodichiarazione reddituale, con l’indicazione dei redditi presunti, diversi da pensione, per l’anno 2016 in data successiva al compimento del sessantaquattresimo anno di età al fine di ottenere il pagamento della prestazione con la mensilità di dicembre 2016 in misura proporzionale al periodo temporale successivo al compimento del sessantaquattresimo anno di età.

La sede, ricevuta la dichiarazione, dovrà verificare la sussistenza dei requisiti di legge e riportare le informazioni nella apposita procedura informatica, escludendo i redditi da pensione, che saranno rilevati automaticamente in fase di elaborazione centralizzata.

Le sedi dovranno inserire i relativi dati con il seguente calendario:

entro il 23 maggio 2016 per coloro che hanno già percepito nell’anno 2015 la somma aggiuntiva ovvero che compiono i 64 anni entro il 30 giugno 2016;

entro il termine ultimo previsto per la lavorazione della rata di pensione relativa al mese di dicembre per le ipotesi in cui il requisito anagrafico venga soddisfatto entro il secondo semestre.

Iscriviti alla nostra newsletter

La lavorazione in argomento sarà illustrata con comunicazione dedicata”.

Corresponsione della Somma Aggiuntiva per il 2016
5 (100%) 3 voti