Damiano e le ultime su Esodati, Opzione Donna e No Tax Area

“D’Attorre se n’è andato dal Pd perché ‘la sinistra interna non è riuscita a toccare palla’. Io la penso al contrario: sul Jobs act, sulla riforma elettorale e costituzionale la palla l’abbiamo toccata e abbiamo pure segnato qualche goal”.

Così Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro alla Camera.

“Certo – ha proseguito l’esponente Pd – non si può pretendere di vincere la partita: siamo, almeno fino al prossimo congresso, una minoranza. Anzi, alcune minoranze”.

“Anche sulla legge di Stabilità c’è il segno della nostra elaborazione. Ci sono misure di crescita – ha rivendicato – se si abbandona la dottrina del rigore: è quello che abbiamo sempre chiesto a Renzi ed all’Europa. Ci sono interventi di equità sociale, anche se vanno resi più robusti: un sostegno alla povertà; la settima salvaguardia degli esodati, Opzione Donna e no tax area per i pensionati: misure per le quali ci stiamo battendo da anni, che non erano scontate e che vogliamo migliorare con i nostri emendamenti.

Chiediamo – ha spiegato Damiano- che possano optare per la pensione a 57-58 anni con 35 di contributi le donne che arrivano a quell’età anche nell’ultimo trimestre del 2015; che non si dimentichi che la settima salvaguardia, che tutelerà oltre 31.000 lavoratori, non risolve il problema dei 20.000 rimasti fuori (dati Inps); che la no tax area andrebbe anticipata al 2016. Siamo stati ascoltati sul prolungamento degli incentivi al contratto a tutele crescenti oltre il 2015, anche se vogliamo che il tetto degli 8.060 euro rimanga per il Mezzogiorno. Infine, chiediamo che il Governo cancelli la ‘cattiveria’ del taglio di risorse a Caf e Patronati, dimenticando l’accordo dell’anno scorso”.

Iscriviti alla nostra newsletter

“La nostra è un’azione riformista, di sinistra, dentro il Pd e trova il sostegno concreto di decine di migliaia di cittadini alle prese con i problemi della vita quotidiana, primo fra tutti quello di arrivare a fine mese”, ha concluso l’esponente Pd.