Uilp: Donne ignorate dalla politica e dalle politiche

“I dati presentati dal direttore del dipartimento per le statistiche sociali dell’Istat alla commissione Lavoro della Camera confermano ancora una volta quello che come Uilp diciamo da sempre: esiste una specificità femminile dell’invecchiamento che viene trascurata dalla politica e dalle politiche”.

Così il Segretario generale della Uilp Romano Bellissima.

“Una parte significativa della popolazione anziana in condizioni di povertà e di esclusione sociale – prosegue – è rappresentata da donne, che hanno pensioni più basse degli uomini e hanno una vita mediamente più lunga, con maggiori probabilità di trascorrere gli ultimi anni di vita in solitudine e in condizioni di ridotta autosufficienza. Le ragioni delle differenze negli importi delle pensioni di uomini e donne sono molteplici e sono strettamente connesse alla vita lavorativa e contributiva che ha preceduto il pensionamento. Servono dunque misure per incrementare l’occupazione femminile, eliminare il gap salariale tra donne e uomini e favorire la conciliazione vita lavoro, anche per quanto riguarda la contribuzione figurativa per la maternità e la cura delle persone non autosufficienti”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Pertanto “la Uilp ribadisce la necessità di tutelare le pensioni di reversibilità, che sono percepite in maggioranza da donne, che non devono subire ulteriori penalizzazioni; porre attenzione alle persone anziane che vivono sole, che sono in gran parte donne e spesso donne molto anziane, nell’elaborazione delle politiche sociali, ma anche per quanto riguarda la fiscalità nazionale e locale, i tributi e le tariffe; incrementare le politiche volte al contrasto delle povertà e dell’esclusione sociale; approvare una legge nazionale per la tutela delle persone non autosufficienti e delle loro famiglie adeguatamente finanziata”.

Uilp: Donne ignorate dalla politica e dalle politiche
1 (20%) 1 voti