Damiano: Ecco perché i conti Boeri non tornano

“Avremmo preferito avere le proposte del Presidente Boeri, anziché in diretta tv, illustrate nelle sedi istituzionali. Ribadiamo che il ruolo legislativo spetta al Governo ed al Parlamento e che non compete all’Istituto di previdenza promuovere o bocciare le proposte degli organi legislativi”.

“Entrando nel merito, la relazione ha spaziato sui molti argomenti che legano le regole del mercato del lavoro a quelle pensionistiche. Nessun cenno invece sul bilancio dell’Inps. Per quanto riguarda la separazione tra previdenza e assistenza che la relazione promette di realizzare, ci auguriamo che non ci si fermi alle parole e che essa diventi finalmente realtà si dimostrerebbe che la nostra spesa previdenziale e’ perfettamente allineata con gli standard europei”.

“La nostra bocciatura e’ invece completa sul tema della flessibilità: sarebbe inaccettabile che l’anticipo dell’uscita dal lavoro fosse tutto a carico dei lavoratori con un ricalcolo contributivo dell’assegno pensionistico. Si potrebbe arrivare anche a tagli del 30%”.

Iscriviti alla nostra newsletter

“I costi della proposta del PD (pensione a partire dai 62 anni di eta’ con 35 di contributi e l’8% di penalizzazione) illustrati da Boeri nell’audizione alla Commissione lavoro della Camera non sono convincenti: come al solito si tiene conto di una platea potenziale e non di quella reale; non si considerano i risparmi che la flessibilità produce (superamento del problema degli ‘esodati’ non ancora tutelati e aumento della occupazione giovanile): di conseguenza riduzione della platea dei nuovi poveri e miglioramento del rapporto tra lavoratori e pensionati grazie ai nuovi ingressi nel mondo del lavoro. Infine, perche’ non far contribuire anche i datori di lavoro in caso di anticipo pensionistici dei propri dipendenti?”.

Damiano: Ecco perché i conti Boeri non tornano
5 (100%) 5 voti