Esodati e la pazzia dei numeri

Ennesima falsità ai danni degli esodati, con un censimento truffa fatto dalla sottocommissione senato e non dall’Istat (come qualcuno dice),sulla conta dei non salvaguardati dalle 6 deroghe. PER L’INPS SIAMO 495OO PER IL SENATO 2350 ,SE DOBBIAMO PARTIRE DALLE ORIGINI CIRCA 389.000, SIAMO ANCORA 220000 NEL LIMBO DELL’INDIFFERENZA

Siamo ormai alla pazzia pura, è chiaro ed evidente che manca la volontà politica per salvaguardare gli esodati rimasti. La sottocommissione del lavoro al Senato, ha fatto un censimento illegale , dove sin dal primo momento è stato contestato dai comitati della rete degli esodati, in quanto conteneva richieste di notizie ed informazioni NON  PERTINENTI con la situazione famigliare degli esodati, inoltre si è trattato di un censimento fantasma, dove nessuno sapeva nulla tantomeno l’Istat, difatti nessuno ha ricevuto a casa nulla, tantomeno i cittadini sono stati informati dagli organi di informazione.

Un’indagine fatta per poter fregare migliaia di famiglie, primi firmatari i sen. Ichino e Parente. E’ UNO SCANDALO, UNA VERGOGNA ,UNA VIGLIACCATA .

Il presidente dell’Inps Boeri più volte invitato sia dal governo sia dalla commissione lavoro  a dichiarare quanti soldi sono avanzati dalle precedenti salvaguardie ,ancora non si pronuncia. Calcolando che sono stati stanziati 11mld e 600 milioni di euro per le precedenti salvaguardie , da dati Inps ad aprile 2015 sono state presentate 170.230 domande di cui solo 110545 certificate. Per tanto a conti fatti, avanzano soldi a sufficienza per salvaguardare tutti gli esodati rimasti fuori dalle deroghe, che non sono quel maledetto numero di 2350 persone. In uno stato democratico serio, con una politica seria e pulita, non può dopo quasi 4 anni la sottocommissione senato uscire fuori con un censimento farsa del genere. Questi signori devono smetterla di giocare al lotto con la vita di persone oneste che hanno dato allo stato tutto ciò che dovevano dare.

SCUSATEMI MA SONO SCHIFATO!!!!

Iscriviti alla nostra newsletter

Giuliano Colaci, coordinatore Comitato Esodati Roma

Esodati e la pazzia dei numeri
4.3 (85.45%) 11 voti