È stato avviato l’esame del ddl per la staffetta generazionale nella sanità

Le senatrici Dirindin e Silvestro del Partito Democratico hanno presentato nella Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama il ddl (S.1472) sulla staffetta generazionale nella professione infermieristica e nelle professioni sanitarie. Di seguito i contenuti e le finalità del disegno di legge come sono state illustarte dalla relatrice Dirindin:

“Il testo propone incentivi intesi a favorire l’assunzione, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, di giovani professionisti sanitari nonché il passaggio dal contratto di lavoro a tempo pieno al contratto di lavoro a tempo parziale degli esercenti le professioni sanitarie ai quali manchino non più di trentasei mesi alla maturazione dei requisiti pensionistici.

In particolare, il disegno di legge prevede che per gli infermieri e gli esercenti le altre professioni sanitarie ai quali manchino non più di trentasei mesi alla maturazione dei requisiti pensionistici e che si rendano disponibili alla trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale (con una riduzione dell’orario di lavoro pari al 50 per cento delle ore contrattualmente dovute) sia riconosciuta (sino alla maturazione dei requisiti pensionistici) anche la quota ulteriore di contribuzione che deriverebbe da un contratto di lavoro a tempo pieno.

Tale riconoscimento è subordinato alla sottoscrizione di un atto denominato patto intergenerazionale, firmato dal pensionando, dall’assumibile, dall’azienda o struttura sanitaria (pubblica o privata accreditata), nonché dalle rappresentanze sindacali. Con i risparmi di spesa derivanti dalle riduzioni di orario in oggetto, il medesimo datore di lavoro assume, con contratto a tempo indeterminato, infermieri o esercenti altre professioni sanitarie di età non superiore a 35 anni e disoccupati o inoccupati.

Iscriviti alla nostra newsletter

Tali nuovi contratti possono essere sia a tempo pieno sia a tempo parziale.Il disegno di legge prevede altresì che le aziende e strutture sanitarie (pubbliche o private accreditate) avviino, in collaborazione con l’INPS, una ricognizione relativa alla consistenza numerica degli infermieri e degli esercenti le altre professioni sanitarie ai quali manchino non più di trentasei mesi alla maturazione dei requisiti pensionistici e adottino, di concerto con le rappresentanze sindacali, piani di informazione volti a diffondere tra i potenziali destinatari la conoscenza degli incentivi in questione”.

È stato avviato l’esame del ddl per la staffetta generazionale nella sanità
1 (20%) 3 voti