Chiarezza su Opzione Contributivo Donne

Chiarezza su Opzione Contributivo Donne

“Facciamo un po’ di chiarezza!

Come è noto, ai sensi della legge 243 del 2004, le lavoratrici possono optare in via sperimentale, e fino al 31/12/2015 (la norma per il momento è a scadenza), per la liquidazione del trattamento pensionistico di anzianità secondo le regole di calcolo del sistema contributivo.

In pratica la possibilità di accedere alla pensione di anzianità così come era previsto prima della riforma delle pensioni introdotta nel 2004, potendo far valere una anzianità contributiva pari ad almeno 35 anni unitamente a 57/58 anni di età se dipendenti o autonome.

La riforma delle pensioni del 2012, meglio conosciuta come legge Monti-Fornero, ha fatto salva tale facoltà.

Come aveva già anticipato l’Inps attraverso apposita circolare, ricordiamo che l’esercizio della facoltà in argomento è subordinato alla condizione che la decorrenza del trattamento pensionistico si collochi entro il 31/12/2015.

Questo anche in considerazione del fatto che nei confronti delle predette lavoratrici continua a trovare applicazione la disciplina delle decorrenze (slittamento di 12 mesi per le lavoratrici dipendenti, e 18 mesi per le lavoratrici autonome) e l’adeguamento del requisito anagrafico alla speranza di vita (dal 01/01/2013, 57 anni e 3 mesi per le lavoratrici dipendenti, 58 anni e 3 mesi per le lavoratrici autonome).

Pertanto, in presenza dei previsti requisiti di legge che andranno maturati entro il 30/11/2014 per le lavoratrici dipendenti, ovvero coloro che possono far valere esclusivamente i 35 anni di contributi come lavoratrici dipendenti e il 31/05/2014 per le lavoratrici autonome, tali soggetti potranno perfezionare l’opzione attraverso apposita domanda di pensione da presentarsi entro il termine di apertura della relativa decorrenza ma non oltre il 30 novembre 2015.

Si ricorda che le lavoratrici dipendenti, tra gli altri requisiti, devono rispettare quello della cessazione dell’attività di lavoro subordinato entro il mese precedente l’apertura della relativa finestra.

Infatti, ricorda l’Inps con un recente messaggio, ai fini dell’accesso alla pensione di anzianità in regime sperimentale non è richiesta la presentazione della domanda e la cessazione del rapporto di lavoro subordinato alla data di perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi, ovvero 12 mesi prima, ma entro l’apertura della relativa finestra.

Infine, si ricorda che tale regime, per espressa previsione di legge, potrà anche essere confermata ovvero prorogata nei termini fissati per la sua scadenza.

Ma per questo occorrerà attendere eventuali disposizioni legislative non prima della fine del 2015, nel frattempo continuiamo a sperare……..

Fiore Saverio

Iscriviti alla nostra newsletter

Responsabile Patronato Inapa Confartigianato Asti”

Chiarezza su Opzione Contributivo Donne
2.3 (46.67%) 3 voti