Cottarelli: Volevo agire sulle pensioni ma la politica ha detto no!

Ultimi giorni in Italia per il commissario alla spending review che la prossima settimana tornerà negli Usa come direttore esecutivo per l’Italia al Fondo Monetario Internazionale. Ma prima di partire il commissario uscente per la revisione della spesa pubblica ha parlato rispondendo alle domande dei cronisti sulla spending review del Governo Renzi e anche in materia di pensioni.

Mi sono reso conto che un problema importante della spesa italiana è la mancanza dei controlli. Le norme vengono scritte, spesso non vengono rispettate. In Italia – continua Cottarelli – le norme sono spesso lunghe e incomprensibili, occorrerebbe cambiare la testa di chi scrive le leggi. E poi se ne fanno troppe; ogni settimana si sente l’urgenza di scriverne qualcuna. Più ce ne sono, più è difficile applicarle, maggiore è il livello di discrezionalità”.

Alla domanda se sia pessimista sul futuro del Paese, Cottarelli dice “assolutamente no. In Italia le cose cambiano, è che i problemi sono tanti e non ce ne accorgiamo. Con l’eccezione delle pensioni, fra il 2009 e il 2012 la spesa pubblica dello Stato è scesa del 10 per cento, quella dei Comuni dell’8, quella delle Regioni del 16, solo la spesa sanitaria è rimasta costante. Altrove – sostiene Cottarelli – verrebbero giudicati come ottimi risultati. E’ un’area troppo grande quella delle pensioni, 270 miliardi, perché non sia passata all’esame di una spending review. Ho fatto le mie proposte, poi è stata una decisione politica di non agire”!

Sul premier Renzi commenta: “Se mi amasse o meno dovete chiederlo a lui. Però ha ragione quando dice che le decisioni le deve prendere la politica, non un commissario. Quando mi chiamarono anche io mi chiesi perché ci fosse bisogno di una figura del genere”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Infine, alla domanda se tornerà risponde così: “Sono sicuro di sì”.

Cottarelli: Volevo agire sulle pensioni ma la politica ha detto no!
5 (100%) 3 voti