Mega truffa assegni sociali Inps

Percepivano l’assegno sociale che lo Stato versa agli over 65 in difficoltà economiche, pur non essendo più residenti in Italia: è la truffa all’Inps scoperta dalla Guardia di Finanza, che ha portato all’individuazione di 325 stranieri denunciati per truffa o malversazione. Il danno finora accertato per lo Stato è di quattro milioni e mezzo milioni di euro, mentre il blocco degli assegni sociali consentirà all’istituto di previdenza un risparmio di circa due milioni l’anno.

L’operazione – spiegano le fiamme gialle – è frutto della collaborazione fra la Guardia di Finanza e l’Inps, da qualche mese rafforzata con le firma di un apposito protocollo d’intesa. L’indagine ha preso le mosse dall’analisi, condotta dal Nucleo Speciale, dei dati relativi ai fruitori del beneficio messi a disposizione dall’Inps.

L’incrocio di banche dati e la messa a sistema di altre informazioni di polizia ha permesso la predisposizione di un’analisi di rischio che è stata posta a disposizione dei Comandi territoriali della Guardia di Finanza, i quali hanno operato i controlli, mentre le sedi provinciali dell’Inps hanno assicurato il necessario supporto in loco. I controlli – spiegano ancora i finanzieri – hanno riguardato la posizione di cittadini stranieri immigrati ultrasessantacinquenni, asseritamente in particolari situazioni di disagio economico”.

La regione dove si è registrato il maggior numero di irregolarità è la Lombardia, con un danno erariale di oltre 677mila euro, seguita dal Lazio (663mila euro) e dalla Campania (395mila euro). L’operazione di oggi fa seguito ad una analoga indagine che ha consentito di scovare e denunciare 418 italiani iscritti all’Aire che, pur risiedendo stabilmente all’estero continuavano a percepire l’assegno sociale. In quel caso, a fronte dei 9 milioni indebitamente erogati, l’interruzione del pagamento dell’assegno ha consentito un risparmio annuo per l’Inps di 2,5 milioni.

Mega truffa assegni sociali Inps
3.67 (73.33%) 3 voti