CNA Pensionati a favore del bonus degli 80 euro

In Italia sono 16 milioni i pensionati, molti dei quali sostengono anche le famiglie allargate con figli e nipoti. Aumentare i loro assegni con il bonus degli 80 euro o con nuovi tagli delle tasse per le pensioni minime potrebbe significare aumentare il potere di acquisto da parte di queste categorie di persone nonché e dare fiducia alle famiglie e si tratta di un piano che potrebbe essere messo in atto.

Il bonus degli 80 euro va esteso anche ai pensionati. Il Governo non può dimenticare una larga fetta della popolazione che, complice i maggiori bisogni sanitari legati alla salute, vive con difficoltà sempre maggiori questo periodo di crisi”. Così in una nota, il presidente di CNA Pensionati, Giancarlo Pallanti, aggiungendo che “accogliamo con favore l’idea di estendere il bonus alle pensioni minime nella prossima legge di stabilità, ma questo non basta. Non si possono ignorare esigenze di spesa, incomprimibili, dei pensionati come quelle legate alla salute”.

“Sappiamo che le risorse sono scarse -aggiunge il presidente di CNA Pensionati – ma l’estensione del bonus ai pensionati, non solo quelli al minimo, va fatta. Se il problema è di risorse, il governo dovrebbe tenere conto del reddito familiare per distribuire gli 80 euro solo a chi veramente ne ha bisogno”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Per Pallanti, “non si tratta di tirare una coperta molto corta verso l’una o l’altra categoria ma di individuare coloro che, per necessità, sono i migliori candidati a mettere in circolazione quei soldi senza tenerli nel cassetto, soldi che il governo ha tanto faticosamente trovato. Ricordo, a questo proposito, che poco meno della metà dei pensionati italiani percepisce un assegno inferiore a mille euro. Si tratta di circa 7 milioni di persone che, con 80 euro in più, consumerebbero senz’altro beni di prima necessità dando così quella spinta tanto attesa all’economia”, conclude.

CNA Pensionati a favore del bonus degli 80 euro
5 (100%) 3 voti