Farinetti a Renzi: Serve un tetto massimo alle pensioni

Oscar Farinetti è da sempre un fermo sostenitore di Matteo Renzi. Il presidente di Eataly, ospite al Meeting di Rimini, incita il governo e il premier a continuare con il proprio operato riformatore. “In questi primi sei mesi il governo Renzi ha fatto tre o quattro mosse giuste. Adesso – aggiunge Farinetti – c’è bisogno che dia ancora due o tre bastonate grosse sul buon esempio. Per esempio stabilire definitivamente già domattina un tetto massimo agli stipendi dei politici, abolire le Regioni autonome, mettere un tetto massimo alle pensioni”.

Le pensioni, secondo Farinetti, devono essere uno “strumento per vivere decentemente, non per arricchirsi”. Per questo è necessario che il governo Renzi, a sei mesi dalla nomina, dia ancora “due o tre bastonate” a partire dall’inserire un “tetto massimo alle pensioni”.

Farinetti, a cui sembra che Renzi abbia offerto anche una poltrona da ministro sei mesi fa, spiega il piano: “Ci sono 600 mila pensioni in Italia oltre i tremila euro, con una media di 4.300 euro; 200 mila pensioni oltre i 5000, con una media di 7.300 euro; 1.200 pensioni oltre i diecimila euro, con una media di 16.000 euro”. Dunque, ha continuato, “se noi mettessimo un tetto di tremila euro netti che consentirebbe di vivere, il gap fa 22 miliardi, tanti soldi”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Per il presidente di Eataly, infine, “servono mosse di buon esempio da un lato e dall’altro. Mosse sull’economia: la politica deve lavorare attraverso leve fiscale. Anche i media devono lavorare meglio sull’opinione pubblica perché hanno responsabilità sull’opinione pubblica. Parlano molto di gossip e poco di sostanza”.

Farinetti a Renzi: Serve un tetto massimo alle pensioni
4.9 (97.78%) 9 voti