Il futuro dei Quota 96 della scuola

Matteo Renzi ha indicato con un tweet che il prossimo 29 Agosto in Consiglio dei Ministri verranno presentate le linee per la riforma della scuola a cui poi seguirà una consultazione. Se così fosse e se quota 96 fosse inserita nel pacchetto scuola, non sarebbe una buona notizia, in quanto si dovrebbe attendere ancora 1-2 mesi per una possibile approvazione.

L’altra via – secondo voci di corridoio non confermate – sarebbe il decreto Sblocca Italia del 29 Agosto dove potrebbe essere inserita una legge d’urgenza per i quota 96 e con punti prioritari per la scuola.

E’, infatti, quest’ultima una delle novità emerse nel confronto con i Sindacati e Miur. Per quanto riguarda le coperture finanziarie ci sono due strade percorribili: La prima riguarda un intervento a favore, non solo dei quota 96 ma anche degli altri esodati che non hanno potuto andare in pensione per altre motivazioni in base alla riforma Fornero; la seconda prevede una copertura finanziaria non solo per i quota 96 ma anche per altri 9 mila aspiranti alla pensione (cifre stimate dall’Inps) che beneficerebbero della deroga concessa ai docenti della scuola.

E questa seconda ipotesi rappresenterebbe, però, una sconfitta per la Ragioneria dello Stato che proprio per il timore di un “effetto fiume” sulle pensioni, aveva posto il veto anche sui quota 96.

L’Inps, infatti, prevede l’attuazione a breve di 9.000 pensionamenti, mentre la copertura al momento interessa non più di 4.000 lavoratori grazie al sequestro del Tfs. Una soluzione che penalizzerebbe sì il valore delle pensioni, ma che non toccherebbe l’assegno previsto.

Iscriviti alla nostra newsletter

Il presidente del Consiglio punterebbe comunque a una soluzione in grado di aumentare questa soglia, ma non è ancora dato di sapere in che modo sia possibile trovare le risorse finanziarie per conseguire questo obiettivo.

Il futuro dei Quota 96 della scuola
4.2 (84%) 5 voti