Il decreto sulla PA è legge

E’ stato approvato in via definitiva nel primissimo pomeriggio di ieri, giovedì 7 agosto, il nuovo decreto sulla PA del Governo Renzi dal quale però sono state escluse le norme che modificavano la riforma pensioni Fornero nella parte relativa all’età pensionabile, alla pensione anticipata e alle pensioni degli insegnanti della cosiddetta Quota 96 scuola.

Il sì definitivo al decreto predisposto dal ministro della Pubblica amministrazione e Semplificazione Marianna Madia è arrivato con 303 voti favorevoli da parte dell’Aula della Camera dei Deputati presieduta da Laura Boldrini che poco prima aveva approvato la fiducia al decreto che introduce nuove norme sulla Pubblica amministrazione e in parte per quanto riguarda il prepensionamento per gli impiegati pubblici.

Il decreto @mariannamadia è legge. Adesso sotto con la delega e i decreti Attuativi #lavoltabuona”. Il premier Matteo Renzi, su Twitter, commenta il via libera definitivo al provvedimento che contiene norme per la semplificazione e la trasparenza nella Pubblica amministrazione.

Ricordiamo che tra le principali novità il testo licenziato prevede per i dipendenti pubblici la mobilità obbligatoria fino a 50 chilometri di distanza dalla sede di appartenenza e la rimodulazione del turn over, che diventa più flessibile, per il quinquennio 2014-2018.

Resta il nodo della quota 96, quella dei docenti che sarebbero dovuti andare in pensione, su cui l’esecutivo ha fatto marcia indietro: “Il governo è unito. I rilievi del Mef ci hanno fatto fare una scelta politica”, ha commentato il ministro Madia. “Non è che c’è una Ragioneria dello Stato e un governo”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Non mi è piaciuto questo dibattito finale in Aula”, ha aggiunto poco dopo la ministra della PA, “questa vicenda dovrebbe arrivare a far lavorare in modo più coordinato il Mef e le commissioni”. Comunque sia “è il primo tassello di una riforma importante. Ma il cantiere sulla Pubblica amministrazione resta aperto e speriamo di chiuderlo per la fine dell’anno, in modo da poter dedicare il prossimo anno alla sua attuazione”.

Il decreto sulla PA è legge
2 (40%) 4 voti