Buone notizie per i pensionati delle casse virtuose.

Mentre continua il dibattito su una possibile riforma pensioni nel 2014 ci sono importanti novità in arrivo per le pensioni degli agrotecnici.

Di “sentenza storica e di vera e propria rivoluzione previdenziale” parla in una nota il Collegio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati commentando la pronuncia del Consiglio di Stato (la n. 3859/2014 depositata ieri lunedì 21 luglio) che ha accolto il ricorso della Cassa di previdenza Enpaia-Agrotecnici e del Collegio nazionale dell’Albo.

Tale pronuncia del Consiglio di Stato chiarisce che il criterio di rivalutazione dei contributi pensionistici definito dalla legge n. 335/1995 va inteso come quello minimo, che comunque deve essere sempre riconosciuto. Mentre le Casse di previdenza virtuose e con i conti in ordine – viene spiegato dal Collegio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati – possono riconoscere rivalutazioni maggiori consentendo così di erogare trattamenti pensionistici più alti.

Dunque:

  • viene così definitivamente scardinato il principio, fino all’ultimo difeso dal Ministero del Lavoro, per cui la previdenza dei professionisti doveva essere, sempre e comunque, “tutta uguale”, anche quando i rendimenti dei contributi -per effetto del meccanismo di calcolo- erano pressoché pari allo zero, con il risultato di deprimere all’inverosimile le future pensioni (come in effetti è avvenuto negli ultimi anni), invece
  • viene riconosciuta quell’autonomia da sempre difesa dagli enti, seppur con fortune alterne, davanti gli organi giurisdizionali.

Iscriviti alla nostra newsletter

“La libertà nell’autonomia negoziale delle Casse, loro restituita da questa sentenza – rivendicano i ricorrenti – non è solo un atto di giustizia e di buon senso, ma è anche un premio alle Casse che meglio sono amministrate, che possono ora distinguersi da quelle peggio amministrate”.

Vota questo articolo