Inps, arriva la quattordicesima.

L’articolo 5, del decreto legge 2 luglio 2007, n.81 convertito con modificazioni nella Legge 127 del 3 agosto 2007, ha previsto a partire dal 2007, la corresponsione di una somma aggiuntiva (c.d. “quattordicesima”) di norma corrisposta con la mensilità di luglio (a partire dall’anno 2008) a favore dei titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico dell’Assicurazione Generale Obbligatoria e delle forme sostitutive, esclusive ed esonerative della medesima in presenza di determinate condizioni reddituali e con un’età pari o superiore a 64 anni (Circ. 119 del 8 ottobre 2007).

Attenzione però sono esclusi dal beneficio gli assegni e le pensioni sociali, le prestazioni di invalidità civile, le pensioni di guerra e le rendite Inail.

La somma aggiuntiva viene erogata in presenza di un reddito complessivo personale riferito all’anno stesso di corresponsione non superiore a 1,5 volte il trattamento minimo Inps (che per l’anno 2014 è pari ad € 9.776,91 annui a cui corrisponde un importo mensile di € 752,07). Oltre tale soglia, l’aumento viene corrisposto fino a concorrenza del predetto limite reddituale incrementato della somma aggiuntiva ipoteticamente spettante (clausola di salvaguardia).

Vengono di seguito elencati i redditi rilevanti ai fini del calcolo della quattordicesima:

  • redditi da pensione, comprese quelle erogate da Stati Esteri
  • redditi di lavoro dipendente e assimilati
  • redditi di lavoro autonomo, professionale, parasubordinato e d’impresa in Italia e all’estero
  • interessi bancari, postali, dei BOT, dei CCT e dei titoli di Stato, ecc.
  • redditi di partecipazione in società e imprese
  • redditi di terreni e fabbricati in Italia e all’estero
  • altri redditi assoggettabili all’IRPEF
  • rendite vitalizie o a tempo determinato costituite a titolo oneroso in Italia e all’estero
  • prestazioni assistenziali in danaro erogate dallo Stato o altri Enti pubblici o Stati esteri
  • lavoro dipendente prestato all’estero
  • quote di pensione trattenute dal datore di lavoro
  • assegno di mantenimento corrisposto dal coniuge separato
  • redditi da capitali prodotti all’estero.

Si considerano invece esclusi i redditi derivanti dalla casa di abitazione, dalla percezione degli assegni per il nucleo familiare e delle indennità di accompagnamento e dei redditi derivanti dal pagamento dei trattamenti di fine rapporto di lavoro e di quelli soggetti a tassazione separata.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricapitolando il messaggio dell’INPS, la quattordicesima (prevista non solo per le pensioni statali 2014 ma anche per quelle dei lavoratori autonomi) “verrà erogata ai pensionati che abbiano raggiunti i 64 anni d’età e oltre. L’aumento spetta in misura proporzionale – prosegue la nota – anche a coloro che compiono il 64° anno di età entro il 31/12/2014, con riferimento ai mesi di requisito anagrafico”.

Inps, arriva la quattordicesima.
4 (80%) 4 voti