Ricorso di Caselli al Tar per riavere la pensione d’oro!

Gian Carlo Caselli, ex procuratore di Torino, che è andato in pensione a dicembre, ha deciso di fare da apripista e denunciarne l’incostituzionalità del tetto massimo alla retribuzione dei top manager pubblici (e dunque anche alla pensione): “I tagli sarebbero viziati perché illegittimamente limitati alla categoria dei dipendenti pubblici e in particolare delle toghe, violerebbero una serie di principi protetti

Continua a leggere

I primi pareri riguardo la sesta salvaguardia.

Estensione della salvaguardia anche a chi matura il diritto – secondo i vecchi requisiti – anche nel 2015. Otto mila nuovi salvaguardati.  Il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha proposto di “prolungare di un anno le salvaguardie, così come sono oggi previste. Solo che chi maturerà il diritto nell’arco dell’anno prossimo sarà incluso nelle salvaguardie, cosa che finora non era

Continua a leggere

La Lega Nord ha depositato le firme del referendum!

“Quattro furgoni, duecento scatoloni, tre milioni di firme”: il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini, accompagnato da una delegazione di parlamentari del Carroccio e dal comitato promotore, ha depositato in Cassazione i moduli con le firme a sostegno dei cinque quesiti referendari per abolire la legge Fornero, la legge Merlin, le prefetture, per vietare i concorsi pubblici agli stranieri

Continua a leggere

Poletti, 32 mila nuovi salvaguardati.

Il Governo ha depositato in commissione Lavoro alla Camera l’emendamento alla proposta di legge sugli esodati che estende di un anno tutte le tutele esistenti e prevede 32.100 nuove persone salvaguardate. L’ha annunciato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a margine dei lavori della Commissione. Complessivamente il numero dei lavoratori esodati tutelati varati salirà quindi a poco più di 170

Continua a leggere

Nessuna proroga della misura donna.

Il ministro Madia aveva proposto la proroga dell’opzione contributivo donna per la pensione anticipata delle lavoratrici dipendenti, ma dopo le nuove misure approvate sulla Pubblica Amministrazione, sembra che la cosiddetta misura donna sia stata per il momento accantonata, così come la possibilità per tutti di andare in pensione prima, a 57 anni e 3 mesi, con calcolo della pensione interamente

Continua a leggere

Napolitano ha firmato la riforma della Pubblica Amministrazione.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato i due decreti riguardanti la Pubblica Amministrazione e la crescita. La notizia è arrivata dopo le garanzie offerte dal ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, e a undici giorni di distanza dall’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri, datata 13 giugno. Iscriviti alla nostra newsletter Indirizzo e-mail Il decreto che avvia la riforma

Continua a leggere

Poletti ripensa al progetto APA.

Le speranze sono tutte nuovamente concentrate in questi giorni, ultima settimana, prima che lunedì prossimo, 30 giugno, inizi in Aula alla Camera l’esame del testo unico sugli esodati, presentato da Cesare Damiano, in cui si dovrebbe discutere, probabilmente, anche di questione pensionandi di quota 96. Al centro della discussione pensioni è di nuovo l’APA, il prestito pensionistico che il ministro

Continua a leggere
1 2 3 4