Pensione anticipata lavori usuranti; Tutto quello che dovete sapere!

L’INPS ha rilasciato un’importante direttiva, il messaggio n. 2268 del 19 febbraio, in merito alle domande di prepensionamento che possono essere presentate presso l’ente dagli individui che svolgono lavori usuranti, sottolineando in particolare come la data ultima entro cui poter inoltrare la domanda è il primo marzo 2014 mentre i requisiti per il riconoscimento devono essere maturati nell’anno 2014 (31 dicembre).

La legge stabilisce che chiunque svolga mansioni o lavori iscritti alla lista di attività usuranti, sia in facoltà di abbandonare il posto di lavoro anche con cinque anni di anticipo rispetto al minimo stabilito dalla normativa previdenziale.

Così, può accadere che, chi si ritrovi a fare parte di questa categoria, possa accedere al trattamento pensionistico a 61 anni e 3 mesi, invece degli attuali 66 e 3 mesi, sempre che abbia maturato 35 anni di contributi.

I requisiti oggettivi di cui essere in possesso entro il 2014, sono i seguenti:

  • per i lavoratori dipendenti: 35 anni di anzianità contributiva e 61 anni e 3 mesi (quota 97,3);
  • per i lavoratori autonomi: 35 anni di anzianità contributiva e 62 anni e 3 mesi (quota 98,3).

I requisiti soggettivi, ovvero le tipologie di lavoro includono:

  • i lavoratori impegnati nello svolgimento di lavori usuranti: gli addetti a mansioni in galleria, cava, miniera, in cassoni ad aria compressa, i palombari, i lavori ad alte temperature, chi lavora sul vetro cavo, a mano o a soffio, chi svolge mansioni in spazi ristretti in particolare nelle costruzioni, in mansioni svolte con continuità entro spazi ristretti, oppure nell’asportazione dell’amianto
  • i lavoratori che svolgono le proprie mansioni in orari notturni, purché con almeno 78 giornate lavorative ogni anno;
  • i lavoratori che svolgono mansioni nella c.d. “linea catena”;
  • i lavoratori conducenti veicoli adibiti al trasporto pubblico.

Per quel che concerne la compilazione della domanda, bisogna riempire il modulo contrassegnato dal codice AP45 con la richiesta stessa che può essere presentata via web tramite il portale dell’INPS, contattando gli stessi uffici telefonicamente (call center n.803164 da fisso o al n. 06164164 da cell.) oppure rivolgendosi presso uno dei patronati dell’ente.

La domanda deve contenere le seguenti informazioni:

  • la volontà di avvalersi del beneficio;
  • i periodi in cui sono state effettuate mansioni o svolto lavori da considerare usuranti;
  • nel caso di lavoro notturno, vanno specificate il numero delle notti per ogni anno.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se la domanda è presentata oltre i termini (ovvero 1 marzo 2014) la pensione sarà differita di massimo tre mesi. In ogni caso, come chiarisce l’istituto di previdenza, per tutte le richieste che perverranno, entro il 30 ottobre prossimo l’Inps comunicherà l’esito della richiesta, con tanto di data del primo assegno, con relativo riconoscimento di mansioni faticose o lavori notturni, che sia confermata la copertura finanziaria oppure no. In tal caso, verrà indicata la data in cui la pensione verrà erogata per la prima volta.

Pensione anticipata lavori usuranti; Tutto quello che dovete sapere!
4.75 (95%) 8 voti