Pensioni: “L’Inps ha bisogno di risanamento poiché i conti non tornano”!

L’avevamo scritto tempo fa che, dietro i moniti di Mastrapasqua che poi è stato “zittito” e costretto a ritrattare, c’era qualcosa di vero.

Ormai non siamo più noi che lanciamo l’allarme ma la Corte dei Conti specie dopo l’avvertimento dell’Ocse che il futuro dei pensionati italiani non è affatto garantito!

In dettaglio leggiamo che “i conti Inps registrano il primo disavanzo finanziario e un aumento del deficit. Risultati, questi, che derivano dai più grandi fondi amministrati, per i quali appaiono indilazionabili misure di risanamento che si riconnettono anche al ciclo recessivo oltre che all’incorporata gestione pubblica”.

I punti su cui “lavorare” secondo la corte:

  • Le pensioni contributive. Si registrano, infatti “eccessivi” divari con le prestazioni retributive e dunque occorre una “crescente attenzione al profilo dell’adeguatezza”.
  • In evidenza anche “l’urgenza di rilanciare la previdenza complementare […]nel 2012 sono state attivate oltre 408.000 nuove pensioni d’invalidità con un aumento del 37% rispetto al 2011.

In parole povere quello che sostengono i magistrati contabili e che il nipote con contratto a tempo determinato (precario) paga la pensione al nonno. I cosiddetti “parasubordinati”, versano più contributi di quanto riceveranno come pensione.

Iscriviti alla nostra newsletter

“Al contenimento della gravosa perdita economica totale concorre tuttavia il massiccio saldo positivo di esercizio dei parasubordinati e quello delle prestazioni temporanee, i cui netti patrimoniali consentono ancora la copertura di quelli negativi delle altre principali gestioni e il mantenimento di un attivo nel bilancio generale, esposto peraltro a rapido azzeramento”.

Vota questo articolo