Riforma Fornero: prima vi prendo il sangue e poi vi decurto pure il 2% sulla pensione…

Alcune situazioni vanno al di la dell’umana comprensione oppure per essere più giusti, è normale che vi ci siano sbagli nel redarre e attuare una riforma, ma non è normale non poter ovviare subito a certi errori che è palese siano tali.

Oggi non parleremo né degli esodati, né dei famosi quota 96 della scuola ma dei donatori di sangue.

Chi dona il sangue, un gesto che non stiamo a spiegare il significato o di quanto sia importante farlo, poteva per quel giorno esentare dal lavoro senza perdere stipendio o copertura previdenziale. Quei giorni, che sono al massimo 4 all’anno, e se prendiamo in esame un pensionato con 40 anni di contributi arriviamo a un totale di 160 giornate lavorative, sono ora da recuperare…

Ma come, vi chiederete? Si purtroppo è vero, con la famosa riforma Fornero sono coperte, sì, le giornate di assenza per cause come la leva, la malattia, l’infortunio e la cassa integrazione ma NON quelle in cui si DONA il proprio sangue

Dunque quelle famose 160 giorni lavorativi (o meno a seconda di quanto uno ha donato) sono da recuperare. In pratica, chi ha donato il sangue rischia di vedersi allontanare la pensione di ben sette o otto mesi… più ha donato e più lontano è il diritto alla pensione… oppure può sempre accettare il decurtamento del 2% dall’assegno della pensione.

L’INPS per ora è fermo e aspetta delucidazioni da due ministeri quello dell’Economia e quello della Salute. Ovviamente le associazioni dei donatori di sangue sono già intervenute domandando una rettifica di quest’assurdità.

Iscriviti alla nostra newsletter

Vi lasciamo con le parole di Ferruccio Giovetti di Avis Cremona: “Il sangue è un farmaco salvavita che non si può comprare da nessuna parte e che può essere soltanto donato. Le sale operatorie rischiano di trovarsi in difficoltà perché non hanno le sacche di sangue necessarie per effettuare gli interventi”.

Riforma Fornero: prima vi prendo il sangue e poi vi decurto pure il 2% sulla pensione…
Vota questo articolo